Le porte tagliafuoco, anche dette porte E.I., sono un particolare sistema ideato per contrastare il diffondersi di incendi in luoghi dove l’arrivo delle fiamme potrebbe risultare letale per la sicurezza di cose e persone.

Generalmente usate per locali pubblici quali ristoranti e bar, le porte tagliafuoco trovano ampio utilizzo anche in strutture private dove è richiesta una protezione maggiore dalle fiamme in ragione delle attività che vi si svolgono. Come funzionano, allora, le porte tagliafuoco?

Dove vengono utilizzate le porte tagliafuoco

Come detto, nella grande maggioranza dei locali destinati ad accogliere il pubblico, le porte tagliafuoco sono obbligatorie, ai fini di garantire la massima sicurezza in caso di incendio. Questa tipologia di serramenti, tuttavia, può essere utilizzata anche in luoghi privati ove vi sia la necessità di proteggere particolari vani dalle fiamme quali, ad esempio, depositi di vernici o altro materiale infiammabile.

Come funzionano le porte tagliafuoco

Le porte tagliafuoco sono progettate per resistere al calore delle fiamme e ‘tagliare’ letteralmente loro l’alimentazione, ovvero l’ossigeno, impedendone così il diffondersi. Tale sistema di protezione passiva può essere costituito da varie combinazioni dei seguenti materiali:

  • Acciaio
  • Gesso
  • Vetro
  • Strati di vermiculite
  • Legno
  • Vernici Intumescenti

Le principali tipologie di porte tagliafuoco

Esistono varie tipologie di porte tagliafuoco ma le principali categorie sono due:

Porte tagliafuoco a battente: possono essere costituite da un battente singolo o doppio e prevedono una struttura in acciaio ignifugo ad alto spessore, maniglie e serratura ignifughe, guarnizioni in lana di vetro e guarnizioni sottoporta termo espandente.

Risultati immagini per porta tagliafuoco battente

Porte tagliafuoco scorrevoli
: questa tipologia è maggiormente utilizzata per la chiusura di grandi ambienti industriali e anch’essa prevede l’uso di materiali ad alta resistenza alle fiamme quali, appunto, acciaio o leghe metalliche ad alto spessore. Anche il telaio, così come struttura, maniglie, cerniere e serrature, è realizzato con materiale ignifugo fortemente resistente alle elevate temperature.

https://bloxer.it/wp-content/uploads/2017/09/bloxa-70-scorrevole-sliding_porta-tagliafuoco.jpg

Per assicurare un corretto funzionamento della porta in caso di incendio è importante, inoltre, non solo che l’infisso sia montato correttamente ma anche che venga rispettato un corretto sistema di utilizzo. A tal proposito, oltre a richiedere un’ispezione periodica, è necessario che non venga danneggiata o modificata in alcun modo, le cerniere devono essere ben lubrificate e, in caso di porta tagliafuoco sempre aperta che si chiude all’occorrenza per l’attivarsi di un allarme antincendio, quest’ultimo deve sempre funzionare correttamente.

 

Naturalmente, anche le porte tagliafuoco non sono completamente immuni dalla combustione. Una parte di esse verrà sicuramente danneggiata in caso di incendio ma manterrà l’obiettivo e lo scopo finale di consentire a coloro che occupano l’edificio di lasciarlo in tempo e proteggere ambienti particolarmente soggetti ad incendi, in attesa dell’arrivo dei vigili del fuoco.

 

 

 

Back to Home